Dibattiti


LE ELEZIONI DEL PARLAMENTO EUROPEO DEL 2009

Il Parlamento Europeo è un luogo avvincente, in cui i discorsi politici non rispettano le barriere nazionali e partitiche. Un "parlamento al lavoro" nel vero senso della parola. Dalla fine degli anni 70 centinaia di membri di questo organo vengono eletti direttamente dai popoli europei. Ogni riforma della UE conferisce al Parlamento sempre più potere, eppure ad ogni elezione – 1979, 1984, 1989, 1994, 1999, 2004 e 2009 - la sua legittimità si riduce, con un'affluenza alle urne in caduta libera. Cosa ci possiamo aspettare dalle prossime elezioni europee? Ne ha parlato il Dott. MMag. Markus Warasin, che dirigeva l'unità di orientamento strategico (DG Comunicazione) al Parlamento e, grazie a questa sua attività, ha offerto uno scorcio di vita dietro le quinte dell'assemblea legislativa europea.

 

 

LINKS:

 

  • Per scoprire i risultati elettorali del 2009 suddivisi tra partiti, Paesi, ecc., si veda il sito web interattivo del Parlamento Europeo.
  • Nel 2001 Markus ha pubblicato un Quaderno dell'EURAC sulla società dell'informazione europea, un tema che si ricollega a quello della sfera pubblica in Europa.
  • Dal 2009 Herbert Dorfmann siede al Parlamento Europeo come rappresentante della Südtiroler Volkspartei (SVP). Il suo predecessore, sempre per la SVP, era Michl Ebner (1994-2009). In questo periodo altri politici altoatesini hanno rappresentato diversi partiti al Parlamento Europeo: Reinhold Messner (1999-2004, prima per i Verdi, poi indipendente); Sepp Kusstatscher (2004-2009, per i Verdi); Lilli Gruber (2004-2009, Ulivo). Dalle prime elezioni dirette del Parlamento Europeo nel 1979 fino al 1994 la SVP è stata rappresentata da Joachim Dalsass. In questo periodo oltre a Dalsass i politici altoatesini seduti in Parlamento furono: Anselmo Gouthier (1979-1984, Partito Comunista Italiano); Alexander Langer (1989-1995, Verdi) e Pietro Mitolo (1992-1994, Movimento Sociale Italiano).