Dibattiti

 

MOVIMENTI SECESSIONISTI E DIRITTO EUROPEO

I giornali hanno parlato molto di un presunto aumento dei movimenti secessionisti di alcune regioni europee, facendo riferimento in particolare ai vivaci dibattiti effettivamente in corso in Scozia e Catalogna. Si sono letti anche articoli riguardanti un ripensamento nostalgico verso l'autodeterminazione in Alto Adige, prendendo il caso particolare del Kosovo come indicatore di una tendenza generale. Soltanto hype mediatico? In tutto ciò comunque una domanda è stata ignorata: cosa può dire il diritto europeo quando i suoi stati improvvisamente iniziano a dividersi e quindi a moltiplicarsi? Il tema è stato affrontato al Palais da una voce autorevole, il Professor Dimitry Kochenov, titolare della cattedra di diritto europeo all'Università di Groninga.


LINKS:

  • La pagina web del Professor Kochenov contiene la sua impressionante lista di pubblicazioni. Dimitry ha un'ottima reputazione in molti settori, tra cui le questioni relative alla cittadinanza o allo status dei Territori d'Oltremare. I suoi libri più recenti: "Europe's Justice Deficit?" (con G. de Búrca e A. Williams), Oxford: Hart, 2014 e "EU's Shaping of the International Legal Order" (con F. Amtenbrink), Cambridge, 2013.
  • Quanto può essere difficile affrontare in maniera oggettiva il tema della secessione è dimostrato da un editoriale dell'esperto di diritto europeo Joseph Weiler nell'EJIL. L'opinione di Weiler, secondo cui l'indipendenza nell'Europa della UE non potrà essere una panacea che risolverà tutti i mali, ha portato anche a reazioni piuttosto accese. Ma lui non si è scostato dal suo pensiero: Independence? Bon Voyage. But not in the EU.
  • E infine un'opinione legale sulla "questione scozzese" redatta dai professori Crawford e Boyle nel 2012.